25 ottobre, 2008

Un giorno perfetto


Tratto dal libro omonimo di Melania Mazzucco, Un giorno perfetto affronta l'attuale problema della violenza in famiglia.

I contenuti del film sono coinvolgenti e drammatici.

Eppure, quest'ultima pellicola di Ozpetek non ha riscosso molto successo. Forse perchè il regista ha voluto seguire, in parallelo alla storia principale (quella della coppia in crisi), anche quella del politico corrotto e del figlio ribelle. Avrebbe potuto approfondire meglio il disagio familiare che coinvolge molte coppie e i loro figli.

La protagonista del film, Emma (l'algida Isabella Ferrari), lascia il marito Antonio e torna a vivere dalla madre (Stefania Sandrelli) insieme ai due figli.

Antonio, che continua a vivere nella casa coniugale, non si rassegna all'abbandono della moglie. La trama inizia con gli spari che provengono dall'abitazione, qualcuno avvisa la polizia che è pronta a irrompere all'interno della casa. Si concentra poi in quel giorno perfetto, ossia le 24 ore antecedenti alla tragedia.

Il ruolo di Monica Guerritore (Mara, in attesa di incontrare il suo amante) è anonimo rispetto alla sua bravura: avrebbe meritato quello di protagonista.

L'adattamento al romanzo non è riuscito. Ozpetek ha forse voluto evidenziare come la famiglia oggi non sia più in grado di reggere allo stress e alle tensioni della vita di tutti i giorni. Il contesto sociale è quello della precarietà del lavoro, dell’incomunicabilità tra gli uomini e le donne, delle separazioni difficili con figli che non sanno e non vogliono scegliere da che parte stare, dei giovani sempre più fragili e impauriti sul proprio futuro.

E' una realtà che si respira oggi in molte famiglie italiane: predominano la sfiducia, la prepotenza, la paura, la violenza...neppure i bambini ne sono esenti!

E nemmeno gli amici possono fare molto per aiutare e lenire questo malessere. Forse la causa è l'isolamento e l'incomunicabilità della nostra vita urbana moderna. Agli amici non resta che assistere impotenti e quasi ignorati allo sfacelo della famiglia.

E poi lo stupro...in Un giorno perfetto il personaggio di Emma è quello di una donna passiva sulla quale ricade, in un sol giorno, ogni tipo di disgrazia e sulla quale - un uomo con certe peculiarità caratteriali - sfoga la sua follia.

http://escialloscoperto.blogspot.com

1 commento:

  1. deve esser un gran bel film,voglio andare a vederlo.

    RispondiElimina