19 agosto, 2009

Il Narcisismo


Il narcisismo è “sano” quando ci fa sentire bene con noi stessi e con gli altri e quando, dopo una crisi, ci fa risollevare l’autostima.
E’ un’importante risorsa per la nostra salute psicofisica.

Il narcisismo in eccesso diventa invece una vera e propria patologia. Sovente, tra le caratteristiche tracciate per descrivere uno stalker, viene citato proprio il narcisismo.

Molti di noi sono attratti da persone narcisiste patologiche: sono di solito intelligenti, simpatici, geniali, eloquenti, incantatori, desiderosi di conquistare tutti e molto sicuri di se'.

Amano stare al centro dell’attenzione e sono concentrati a soddisfare i loro bisogni anziché quelli delle persone che le amano. Queste persone sanno essere molto seducenti e convincenti e hanno una buona conoscenza della psiche umana: sono dei bravi manipolatori, usano il controllo sugli altri e il rispecchiamento di sé sugli altri per soddisfare i loro bisogni.

Quando non ci riesce, il narcisista reagisce con scoppi di rabbia e situazioni depressive.

Generalmente i narcisisti presentano stili comportamentali caratterizzati dalla competitività, dalla grandiosità e dall’esibizionismo. Sono persone sicure di sé, arroganti, egocentriche, con manie di protagonismo, intimidatorie, aggressivi, sprezzanti, invadenti, manipolatori, indifferenti e insensibili allo stato d’animo degli altri.

Il narcisista di questa specie, è convinto di essere superiore agli altri e per questo si aspetta di ricevere un trattamento privilegiato.

Quando ciò non avviene, prova un profondo senso di rabbia che non sempre riesce a controllare. Nutre interesse per l’altro finché ammira la sua grandiosità.

Ha molte caratteristiche comuni con le personalità psicopatiche, cioè con quelle che imbrogliano, sfruttano le persone e le situazioni, trafugano senza provare alcun senso di colpa nei confronti delle sue vittime. Il rimorso esula dalla sua natura.

Difficilmente riconosce il valore degli altri e tantomeno la sua dipendenza dagli altri. Non ammettendo di aver bisogno degli altri, può reagire all’aiuto offertogli con atteggiamenti paranoici, mettendocela tutta per distruggere e svalutare chi gli ha porto una mano.

http://www.facebook.com/group.php?gid=49541539120&ref=search#
http://escialloscoperto.blogspot.com

1 commento:

  1. ho avuto a che fare con un uomo che rispecchia quanto sopra detto e sto cercando, dopo un anno e mezzo di autolesionismo, ad uscirne ma non è affatto semplice anzi, al momento mi sembra quasi impossibile, sto soffrendo comunque nella stessa misura in cui ho sofferto durante gli ultimi 18/19 mesi di relazione. Questo per il suo modo di fare... per la sua freddezza quando aveva tutto il mio amore, la sua aggressività quando cercavo di fargli notare la sua assoluta mancanza di interesse per qualunque cosa che non fosse il suo lavoro, per la mancanza di dimostrazione di minimo affetto a qualunque persona... oggi sono distrutta per il suo modo di fare che ho cercato in tutti i modi di fargli notare, per renderlo consapevole e potersi impegnare a cambiare un pò... il risultato è il suo senso di ira e di vendetta....
    B

    RispondiElimina